[FOCUS ON] COME COSTRUIRE UNA LANDING PAGE

Brief iniziale

Dopo aver approfondito la strategia di email marketing per la vendita di corsi di formazione utilizzata per un cliente in ambito sportivo andiamo ad analizzare la landing page realizzata.

Anatomia di una landing page che converte

La landing page era realizzata con le seguenti sezioni:

Immagine header di impatto con la foto del formatore ed il settore di appartenenza oltre ad alcuni elementi familiari per il target di riferimento.

Video di 90 secondi sottotitolato per chi ascolta i contenuti da mobile senza audio, in cui il formatore si presentava ed annunciava i contenuti del corso con accanto il titolo delle lezioni.

E’ buona norma inserire una sezione in cui si indica a chi si rivolge il corso di formazione includendo tutte le tipologie di cliente target analizzate prima del lancio. Per rafforzare questo concetto ho inserito un’ulteriore paragrafo relativo a chi non si rivolge questo andando a sollecitare la psicologia del lettore inserendo ad es. “chi non vuole migliorarsi”, “chi non ha tempo da dedicare alla sua formazione”, “chi pensa di essere già un esperto e non ha bisogno di ulteriori consigli”.

A seguire ho inserito le recensioni dei primi acquirenti man mano che iniziavano ad arrivare.

Riepilogo di tutti i vantaggi che è possibile ottenere andando a seguire il corso di formazione e prima call to action con pulsante acquista che rimanda al pulsante finale saltando la parte centrale di descrizione. Questo è stato fatto perchè alcuni clienti che hanno seguito con interesse il pre-lancio potrebbero essere già pronti ad acquistare.

La doppia call to action è finalizzata a consentire agli utenti che già si sentono pronti di acquistare subito mentre agli altri di proseguire nel percorso di “consapevolezza”.

Successivamente infatti sono state inserite una serie di Q&A per cercare di eliminare dalla testa degli utenti i dubbi e le perplessità per concludere l’iscrizione. Questa sezione è fondamentale ed è stata aggiornata man mano che gli utenti presentavano dei dubbi agli operatori in live chat.

Tips: Una volta pubblicato, non smettere di testare.

Anche se la nostra Landing Page ci sembra perfetta è sempre bene aggiornarla inserendo nuovi elementi per cercare di aumentare il tasso di conversione.

Possiamo testare diverse sezioni di copy, aggiungere domande frequenti rivolte al costumer care, nuove recensioni e/o in caso di sufficiente traffico, anche elementi come foto/video e angoli di comunicazione.

Garanzia soddisfatti e rimborsati e psicologia d’acquisto

Proseguiamo con un nuovo riepilogo di tutti servizi e garanzia soddisfatti o rimborsati entro 30 giorni grazie alla quale l’utente non avrebbe dovuto giustificare in alcun modo il reso del corso ottenendo il rimborso totale entro 5 giorni lavorativi.

Questa sezione è fondamentale per far sentire l’utente meno a rischio. Come essere umani siamo abituati a ragionare su ogni acquisto e dar sempre meno ascolto ai nostri desideri iniziali, in quanto molte delle nostre scelte sono irriversibili. Durante il processo di acquisto non siamo solo in contatto con il nostro criterio di giudizio ma anche con quello dellle persone a noi più care ad es. amici, parenti, affetti.
Nel nostro cervello infatti scatta una voce interiore che si chiede: “potrò vantare il mio acquisto con i miei amici? E’ un’occasione da poter presentare anche ad altri? Mia moglie/mio marito sarà d’accordo con il mio acquisto?”.

Perchè rischiare dunque di dover rimborsare il nostro servizio dopo aver permesso all’utente di utilizzarlo? Da alcuni studi scientifici infatti è stato dimostrato che in presenza di un ottimo prodotto il reso entro 30 giorni viene utilizzato soltanto dal 2% degli acquirenti totali.

Pricing e Live Chat

Il pricing conteneva due formule, il pagamento in unica soluzione con sconto del 20% per convincere ad acquistare subito e il pagamento in 3 rate mensili utile a suddividere la spesa.

La diversificazione della formula di pagamento si è rivelata un’ottimo investimento infatti il 78% degli acquirenti totali ha scelto il pagamento in unica soluzione.

E’ fondamentale anche concedere la possibilità di utilizzare metodi di pagamento diversi, PayPal, carta di credito e bonifico devono essere inseriti in ogni nostra vendita.

Nonostante PayPal abbia delle commissioni più alte lato vendita è ancora il metodo più utilizzato in Italia peer i pagamenti online, nel nostro caso 53% degli acquisti. Alla richiesta della motivazione la risposta più frequente è tutt’oggi: “è più sicuro”.

In altri tipi di lanci non consiglierei l’utilizzo del Bonifico Bancario per l’incasso non in tempo reale ma, nel nostro caso specifico, il target di riferimento vede ancora di buon occhio questa tipologia di pagamento.

Siamo giunti al termine della nostra Landing Page, questa è la sezione più importante quindi con un carattere bello grande (consiglierei sempre un 20px) andiamo ad aggiungere la nostra ultima call to action. Per mia abitudine utilizzo spesso il colore verde per le call to action, nonostante il rosso sia il colore che più induce all’acquisto, preferisco in questo caso una sensazione di fiducia e tranquillità, sensazioni donate dall’associazione mentale tra il colore verde ed il campo di gioco.

Un ruolo fondamentale è stato ricoperto dalla live chat aperta dalle 7 alle 23 che ha portato un tasso del 67% di iscritti dopo aver avuto un contatto con un operatore. A seguito del sondaggio realizzato post acquisto su cui vedremo un approfondimento più avanti, la live chat si è rivelataa decisiva per l’acquisto su un 15% di iscritti totale.

Leave A Comment